Self-guided trek E5: da Merano al lago di Garda

  • Unisci l’Alto Adige al Lago di Garda in una settimana di trekking in totale autonomia
  • Attraversa i gruppi montuosi dell’Ortles Cevedale e delle Dolomiti di Brenta
  • Scopri Merano, una gemma nelle Alpi, e Arco, la mecca dell’arrampicata sportiva

Durata 8 giorni

Difficoltà

$nbsp;

Da $nbsp;

Prenota

PROGRAMMA

Self-guided trek E5: da Merano al lago di Garda

Celebre soprattutto in area tedesca, il trekking che unisce il Lago di Costanza (Bodensee) al Lago di Garda può essere suddiviso in più sezioni: il nostro itinerario ti condurrà da Merano ad Arco, permettendoti di scoprire due poli molto diversi tra loro - l’Alto Adige e il Trentino - sia dal punto di vista culturale che paesaggistico, portandoti ad attraversare le due catene montuose dell’Ortles Cevedale e delle Dolomiti di Brenta.

In 6 giorni di trekking porterai a termine uno degli itinerari più ricchi di contenuti dell’arco alpino, ammirando i centri di Merano, Molveno e Toblino - con i corrispettivi e omonimi laghi -, prima di giungere ad Arco e al Lago di Garda, capitale indiscussa dell’arrampicata e degli sport outdoor, praticati lungo il Sarca e sulla sponda nord del lago; non mancheranno ambienti dal valore naturalistico ineguagliabile, all’ombra delle affilate guglie nel gruppo del Brenta o nelle vaste praterie ai piedi dell’Ortles Cevedale, cuore del Parco Nazionale dello Stelvio.

Dettagli del programma

  • 1° giorno - MERANO
    Arrivo a Merano e sistemazione in hotel. È la capitale delle usanze tirolesi, città di festival e di castelli medievali: le eleganti architetture delle chiese e i giardini di ampio respiro apriranno il primo capitolo del tuo viaggio.
     
  • 2° giorno - PASSO DEL MADRICCIO
    Dislivello: +560m / -880m. Sviluppo: 9km. Tempo di percorrenza: 4h30
    La tua avventura avrà inizio con un trasferimento privato da Merano a Solda e una risalita in telecabina fino al Rifugio Città di Milano (2581 m). Da qui, il sentiero partirà salendo delicatamente e svoltando una decina di volte, prima di raggiungere in circa un’ora di cammino un rifugio con terrazza panoramica (2820 m), ideale per una prima breve sosta: di fronte a te la Vedretta del Madriccio, che ha osservato i tuoi passi fin qui e continuerà a vegliare su di te ancora per un po’. La leggera ascesa prosegue fino al Passo del Madriccio (3123 m), anello di congiunzione tra la Val di Solda e la selvaggia Val Martello, pronta ad accoglierti tra le sue braccia: da qui potrai ammirare il panorama mozzafiato che abbraccia in un solo sguardo le cime Ortles (3905 m), Monte Zebrù (3735 m) e Gran Zebrù (3851 m). La discesa dal passo ti porterà subito a percorrere un’ampia vallata, affiancando il corso di torrenti: il paesaggio intorno a te muterà lentamente aspetto, vi si alterneranno distese erbose e più aride pietraie e il la tua prima tappa si concluderà presso il rifugio dove riposerai stanotte, vicino un’impetuosa cascata, ultima meraviglia della giornata. Cena e pernottamento in rifugio (2264 m).

    Variante aggiuntiva:
    Dislivello: +210m / -210m. Sviluppo: 1,5km. Tempo di percorrenza: 1h20
    Dal Passo del Madriccio è possibile ascendere la Punta Beltovo di Dentro (3325 m), con una piccola deviazione che ti permetterà di raggiungere il punto più alto del tuo itinerario. 
     
  • 3° giorno - PASSO SAENT
    Dislivello: +870m / -690m. Sviluppo: 9km. Tempo di percorrenza: 5h
    La seconda tappa del tuo trekking inizierà con l’attraversamento del ponte sul torrente Plimabach. Camminando in aree boschive, senza dover affrontare dislivelli particolarmente impegnativi, presto si apriranno davanti a te i prati del Paradiso al Cevedale: sei ancora in Val Martello e dall'ultimo bivio del sentiero inizia la ripida salita al Passo Saent (2965 m). Camminando attraverso la conca pietrosa che costeggia alcuni laghetti alpini, in silenzio e nel rispetto dell’ambiente che ti circonda, potresti sentire i fischi delle marmotte, instancabili sentinelle a guardia delle loro tane. Il paesaggio marziano del Passo Saent, arido confine tra Trentino e Alto Adige, si aprirà alla tua vista costellato da rocce di color rosso vivo: stai salendo di quota e ti stai allontanando dalla florida Val Martello per entrare in Val Saent. Una volta superato il Passo giungerà il momento di scendere. Gradualmente, il tuo sguardo si poserà su un terreno sempre più verde: i primi cespugli di mirtilli cederanno il passo ai corsi d’acqua che animano la Val Saent. Con un ultimo tratto in falsopiano, raggiungerai il rifugio che ti ospiterà questa notte. Cena e pernottamento in rifugio (2436 m).
     
  • 4° giorno - CASCATE DI SAENT
    Dislivello: +130m / -1370m. Sviluppo: 11,5km. Tempo di percorrenza: 5h
    La tappa di oggi si risolverà in una piacevole e panoramica discesa, circondati da marmotte e rododendri in fiore, in un ambiente vivace e accogliente. Il sentiero ti porterà presto nel cuore di una vasta piana impreziosita da torrenti, il Pra de Saent, occasione per una prima breve sosta nel verde. Da qui la discesa continuerà tra boschi di larici, incessante, e ti accompagnerà dolcemente tra ponti e giochi d’acqua delle Cascate di Saent, le più imponenti della Val di Sole e punto di riferimento nel Parco Nazionale dello Stelvio. Non manca molto al rifugio, degna conclusione della tappa di oggi e di questa prima parte dell’avventura: il gruppo Ortles Cevedale ti ha mostrato i suoi panorami più belli, ora è la volta delle Dolomiti di Brenta. Con un trasferimento privato giungerai in poco tempo alla partenza della funivia del Grosté, godendoti già un primo assaggio del panorama dolomitico: le affilate guglie del gruppo del Brenta ti accoglieranno per i primi passi tra le cime rocciose e si tingeranno di rosa al tramonto. Cena e pernottamento in rifugio (2275 m).
     
  • 5° giorno - BOCCA DI BRENTA
    Dislivello: +610m / -1220m. Sviluppo: 12km. Tempo di percorrenza: 5h30
    Dal rifugio, sito in posizione strategica e punto di partenza di ferrate e numerosi itinerari, il sentiero si dirigerà subito verso il cuore del gruppo del Brenta, guidandoti nella sezione più frequentata dell’intera catena. Potrai sostare brevemente al rifugio Brentei (2182 m), storicamente gestito da Bruno Detassis, il “custode del Brenta”, e recentemente rinnovato: la vetrata panoramica interna al rifugio si affaccia sul Crozzon di Brenta (3135 m), mentre la terrazza esterna offre una vista privilegiata sul lontano gruppo dell’Adamello e sulla Cima Presanella (3558 m). L’itinerario prosegue in salita, verso la Bocca di Brenta (2552 m): la traccia serpeggia tra i ghiaioni. Un breve tratto attrezzato con corda metallica, all’ombra del Campanile Basso (2883 m), ti aiuterà nell’ascesa e oltre la Bocca si aprirà al tuo sguardo un panorama diverso: in lontananza potrai già indovinare la tua destinazione, avvolta dal verde brillante delle foreste di larici in netto contrasto con il bianco accecante delle rocce dolomitiche. Un piccolo “baito”, incastonato in una conca panoramica che guarda al Castelletto di Massodi (2145 m), sarà l’ultima traccia umana che incontrerai prima di raggiungere il rifugio, al termine della lunga traversata in costante discesa. Cena e pernottamento in rifugio (1630 m).
     
  • 6° giorno – LAGO DI MOLVENO
    Dislivello: +220m / -510m. Sviluppo: 5,5km. Tempo di percorrenza: 3h
    La tappa di oggi sarà breve e piacevole, sia dal punto di vista del dislivello - molto contenuto - che per l’atmosfera che ti circonderà per tutto il percorso: una boccata d’aria fresca rispetto all’ambiente arido e roccioso della sezione centrale del Brenta. Dal rifugio dove hai trascorso la notte seguirai il sentiero in discesa, approdando dopo circa un’ora al Rifugio Croz dell’Altissimo (1430 m) e proseguirai scoprendo il versante meridionale delle Dolomiti di Brenta. Qui il gruppo montuoso mostra nuovamente il suo lato meno pettinato: sentieri rocciosi serpeggiano tra distese di larici, abeti e pini mughi, lungo l’invisibile soglia che separa la bassa dalla media quota. Il sentiero ti condurrà presso l’Altopiano di Pradel, terrazza panoramica che offre un’ampia veduta del Lago di Molveno, ormai vicinissimo. Da qui tornerai in telecabina a Molveno. Potrai goderti il paese o rilassarti lungo le rive del lago, a conclusione del tuo penultimo giorno di trekking. Cena e pernottamento in hotel.
     
  • 7° giorno - LAGO DI TOBLINO
    Dislivello: +250m / -800m. Distanza: 12km. Tempo di percorrenza: 4h
    La tua ultima giornata di trekking inizierà con un breve trasferimento privato, da Molveno a Nembia. Tramite il Sentiero Frassati, in breve ti troverai a camminare lungo una porzione dell’amato Cammino di San Vili, che nella sua versione integrale va da Madonna di Campiglio a Trento. Fu istituito dalla SAT nel 1988 e ricalca il percorso storicamente completato da San Vigilio in pellegrinaggio, personaggio conosciuto e venerato in Trentino (“Vili” è il suo nome nella parlata popolare). Il tuo itinerario si snoderà tra i borghi della bassa valle e ti mostrerà un’ulteriore volto del Trentino: vigne, terrazzamenti e nessuna cima spigolosa all’orizzonte. Con una lenta e progressiva discesa, giungerai presso uno dei luoghi più caratteristici della zona: Castel Toblino, struttura fortificata risalente - per il suo nucleo più antico - al 200 d.C. Sito sull’omonimo lago e raggiungibile attraverso un ponte levatoio, rappresenta una pietra miliare della Valle dei Laghi e merita una visita. Con un ultimo tratto in autobus, raggiungerai la meta finale: Arco, capitale dell’arrampicata sportiva e degli sport outdoor, dal surf - sul Lago di Garda - alla MTB. Qui potrai riposare e recuperare le energie prima del rientro a casa. Cena e pernottamento in hotel.
     
  • 8° giorno - ARCO
    Partenza.

Note

Il programma potrà subire variazioni a discrezione del Campo Base Team in base alle condizioni e alle previsioni meteo, mantenendo comunque inalterati la struttura sostanziale e gli obiettivi della proposta.

Scopri tutti i nostri tour di trekking

DATE E PREZZI

PREZZO PER PERSONA

PREZZO PER PERSONA DISPONIBILITA'

20.06.2024 - 20.09.2024
2 € 1080,00 Su richiesta

20.06.2024 - 20.09.2024
3-4 € 950,00 Su richiesta

20.06.2024 - 20.09.2024
5-7 € 880,00 Su richiesta

Servizi inclusi

  • 2 notti in hotel 3* prima e dopo il trekking - camera doppia, B&B
  • 4 notti in rifugio - camera multipla con bagno condiviso, mezza pensione
  • 1 notte in hotel 3* durante il trekking - camera doppia, mezza pensione
  • Trasferimenti privati a / da l'inizio / fine del sentiero (giorno 2, 4, 7)
  • Mappa topografica e documentazione informativa
  • Assistenza H24

Servizi esclusi

  • Tassa di soggiorno
  • Bevande ed extra
  • Supplemento camera singola in hotel (3 notti) - € 150 in totale
  • Supplemento solo traveller - € 300
  • Impianti di risalita (giorno 2 e 4) - circa € 35 per persona
  • Trasfetimento con mezzi pubblici (giorno 7) - circa € 5 per persona
  • Sacco lenzuolo - su richiesta € 18 oppure noleggiabile/acquistabile in rifugio 
  • Transfer di rientro a Merano / trasferimento bagagli tra base camp hotels - su richiesta € 400 in totale
  • Assicurazione annullamento e medico bagaglio 
  • Quanto non specificato

Condizioni di prenotazione

La richiesta di prenotazione è vincolante e sarà presa in carico dal nostro staff, il quale verificherà la disponibilità di tutti i servizi e vi fornirà conferma via mail entro 48 ore lavorative.
Qualora non ci fosse disponibilità nelle date selezionate, le possibilità saranno le seguenti:

  • Utilizzare la caparra per la prenotazione di un altro programma
  • Modificare la data di arrivo
  • Annullare la propria partecipazione con rimborso dell’intero acconto versato

Condizioni di pagamento

Per procedere alla conferma dei servizi verrà richiesto il versamento di una caparra pari al 30% del prezzo dell'esperienza.
Il saldo della prenotazione dovrà essere effettuato a 21 giorni dalla data di arrivo.
Si accettano le seguenti modalità di pagamento: Bonifico o Carta di credito (Mastercard/ Visa).

Condizioni di annullamento

In caso di annullamento della prenotazione verranno applicate le seguenti penali:

  • Verrà trattenuto il 30% del prezzo totale dell'esperienza + eventuale assicurazione, in caso di cancellazione entro 45 giorni prima della partenza;
  • Verrà trattenuto il 70% del prezzo totale dell'esperienza + eventuale assicurazione, in caso di cancellazione da 44 a 30 giorni prima della partenza;
  • nessun rimborso oltre tali termini.

Se sei costretto a cancellare la tua vacanza e vuoi evitare di perdere l’importo versato per il soggiorno è possibile stipulare una polizza di annullamento al momento della prenotazione. Trovi qui maggiori informazioni. Richiedici un preventivo!

INFO UTILI

EQUIPAGGIAMENTO RICHIESTO

Attrezzatura 

  • Bastoncini da trekking
  • Zaino da trekking
  • Borraccia

Abbigliamento

  • Cappellino leggero o bandana
  • Camicie o T-Shirts
  • Felpa in pile
  • Giacca impermeabile e antivento
  • Abbigliamento anti-pioggia: giacca anti-pioggia + pantaloni oppure mantella o poncho
  • Pantaloni da trekking
  • Scarponcini da trekking (meglio se in tessuto impermeabile)
  • Ciabatte

Dotazioni per l'igiene personale 

  • Mascherina
  • Gel igienizzante mani
  • Asciugamano
  • Sacco lenzuolo e coperta oppure sacco a pelo leggero
  • Sapone, shampoo, ecc.

Accessori 

  • Occhiali da sole
  • Crema solare con appropriato livello di protezione UV
  • Balsamo per labbra con protezione UV
  • Kit di primo soccorso (importante: cerotti)
  • Telefono cellulare e caricabatterie
  • Lampada frontale
  • Euro in contanti -  i rifugi non accettano le carte di credito
  • Fischietto per emergenze
  • Coltellino

ULTERIORE EQUIPAGGIAMENTO E DOTAZIONI CONSIGLIATE

  • Biancheria intima termica (nei periodi freddi e in base alle preferenze personali)
  • Guanti leggeri (nei periodi freddi e in base alle preferenze personali)
  • Spuntino leggero
  • Power bank per il tuo cellulare

DOCUMENTI DI VIAGGIO NECESSARI

  • Carta Identità / Passaporto
  • Voucher Campo Base

DOVE SI VA

DOVE SI VA ?

Richiesta informazioni

Se hai scelto una baita/esperienza, non dimenticarti di specificare a quale ti riferisci nel tuo messaggio. Se invece hai bisogno di informazioni, scrivi e noi ti risponderemo quanto prima